Editoria e smart working: un buco tutto per sé

«Se una donna vuole scrivere romanzi» scriveva Virginia Woolf nel 1928 «deve avere del denaro e una stanza tutta per sé».
Ecco, parafrasando, io vi dico che anche per lavorare come editor autonomo e quindi in smart working, dovete avere almeno un angolo della casa che sia tutto vostro, dove poter chiudere fuori le miserie della vita e concentrarvi sul vostro lavoro.

Una vision board per il tuo romanzo

Questo della vision board può diventare anche un buon sistema per superare la temuta "pagina bianca". Invece di stare lì a disperarvi perché non sapete da che parte cominciare o come continuare il vostro romanzo, aprite un qualsiasi programma di grafica sul vostro computer e create una pagina bianca (o nera) virtuale di almeno 1500x700 pixel.