Salotti letterari

Di “salotti letterari” veri e propri ce ne sono pochissimi. La maggior parte tendono a invitare questo o quell’autore e a presentare i vari libretti di tizi molto sconosciuti (perché non chiedono soldi ma, anzi, probabilmente pagano loro).
Invece, un salotto letterario che si rispetti, dev’essere un momento di aggregazione attorno a una passione comune: la lettura, in cui ognuno è libero di dire ciò che pensa e di trasmettere la propria esperienza attraverso ciò che legge.
Tuttavia, per me che il “mestiere della scrittura” lo pratico da tanti anni, non basta. E spesso i miei salotti diventano anche lo spunto per approfondire i meccanismi della scrittura. Infatti, quando si vuole imparare a scrivere, non c’è niente di meglio che prendere esempio da chi ha più esperienza di noi. Proprio come facevano i pittori rinascimentali che, per imparare a dipingere, copiavano e ricopiavano i grandi maestri dell’epoca.
Questo è lo spirito che anima da molti anni i miei salotti letterari, che ho condotto in luoghi diversi e sempre affiancata da eccezionali compagni e compagne di viaggio. Ricordo in particolare Cristina Fabriani, anima e cuore di molti progetti qui riportati. Donna di elevato profilo sia umano sia professionale, operatrice del benessere esperta in Massaggio Olistico Integrato, da anni condivide con me una smisurata passione per la lettura oltre che per il benessere delle persone che passa anche attraverso un buon libro.

EQUILIBRISTI

Immagina… una domenica pomeriggio d’inverno riscaldata dalle parole, scritte e parlate, e da una tisana rilassante.
In collaborazione con l’associazione culturale Goldleaf. Con me Cristina Fabriani e Anna Maria Tufano.


Data inizio: 20 novembre 2016.
Location: viale Manzoni 22 (Roma).
Obiettivo: creare “equilibrio e armonia” fra tre grandi protagonisti: la lettura e la scrittura come chiavi di accesso alla realtà, e le persone. L’incontro fra questi tre elementi, con riferimento al “gruppo” considerato per eccellenza luogo di crescita cognitiva, emotiva e sociale, è stato al centro degli appuntamenti mensili.

IL CLUB DEGLI INCORREGGIBILI OTTIMISTI

Immagina… un circolo di sedie pantone, colorate e accoglienti. Immagina… un gruppo di persone intente ad ascoltare una storia. Immagina… un pomeriggio di febbraio a pochi passi da San Pietro.
In collaborazione con l’associazione culturale Irradiazioni. Con me Cristina Fabriani e Francesca Calvani.


Data inizio: 23 febbraio 2014.
Location: vicolo del Campanile 9 (Borgo Pio – Roma).
Obiettivo: durante gli incontri mensili di due ore ciascuno, abbiamo seguito la parabola narrativa e umana di uno scrittore, in quanto la vita (e a volte anche la morte) degli autori letterari è oltremodo interessante e, soprattutto, è illuminante per comprendere la loro arte.
Ogni mese abbiamo affrontato un genere diverso (romanzo, giallo, noir, storico, horror, ecc.) e, in una rosa di tre rappresentanti per ogni categoria, abbiamo scelto un libro da cui partire per approfondire i meccanismi della scrittura.

AUTORI NEL SALOTTO… il tuo!

Immagina… il salotto di una casa e venti persone sedute in circolo su tappeti e cuscini intorno a un pianoforte.
Con me il Maestro Marcello Appignani.


Anno: 2016.
Location: salotti vari.
Obiettivo: un salotto itinerante dedicato ai lettori romani più intraprendenti, che hanno messo a nostra disposizione una stanza della loro abitazione per accogliere un format intrigante e innovativo, a metà tra un salotto letterario e uno spettacolo teatrale. Del resto io non sono solo “quella rompipalle dell’editor”, sono anche l’autrice di Zorro è morto… ma quella è un’altra storia.
Progetto ideato, scritto e realizzato da Daniela Ariano – © 2016 tutti i diritti strettamente riservati.

ALTRI MONDI

Immagina… una splendida libreria caffè teatro che per l’incuria e l’ignoranza di chi ha governato Roma negli anni scorsi (e ancora continua a governarla, nonostante i cambi di facce e di partito), ora non esiste più.
Con me il Maestro Marcello Appignani e la sua chitarra.


Anno: 2010.
Location: Bibli Caffè – via dei Fienaroli 28 (Roma).
Obiettivo: può capitare che un libro non ci piaccia, che non sia nelle nostre corde e allora ci viene incontro Borges (sì, proprio l’autore del Manuale di zoologia fantastica) che ci rassicura: «Se un libro vi annoia, abbandonatelo; non leggete un libro perché è famoso, non leggete un libro perché è moderno, non leggete un libro perché è antico».
Però ciò che non si potrà mai smettere di fare è esplorare nuovi mondi, magari anche quelli che all’inizio ci sembrano oscuri e poco accoglienti, perché un’ombra può sempre nascondere una luce accecante.
Progetto ideato, scritto e realizzato da Daniela Ariano – © 2010 tutti i diritti strettamente riservati.

VITE D’AUTORE

Immagina… Virginia Woolf seduta accanto a te, con la sigaretta in bocca, che conversa amabilmente con José Saramago. Che avranno mai da dirsi quei due?
Con me il Maestro Marcello Appignani.


Anno: 2011.
Location: Bibli Caffè – via dei Fienaroli 28 (Roma).
Obiettivo: Sei autori, sei vite, sei modi diversi di affrontare la scrittura.
Molti autori infatti, oltre a scrivere opere di narrativa, hanno sentito la necessità di tenere un diario personale oppure di scrivere un’autobiografia. Tra l’altro molto spesso questi scritti autobiografici nascondono una miniera d’informazioni e di vademecum utili a tutti coloro che vogliono approfondire le tecniche della narrazione.
Progetto ideato, scritto e realizzato da Daniela Ariano – © 2011 tutti i diritti strettamente riservati.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...